Come creare una mappa mentale

come creare una mappa mentale

La mappa mentale è uno strumento molto prezioso per i creativi. Aiuta a portare su carta i ragionamenti, in modo schematico e molto intuitivo. Tony Buzan, psicologo inglese conosciuto per aver dato via a diverse tecniche di apprendimento, ha teorizzato queste mappe mentali con lo scopo di migliorare la capacità di prendere appunti.

Grazie alle mappe mentali potete portare su carta concetti e idee, prendere appunti in modo pratico e veloce, realizzare modelli utili per il vostro business.

Ciò che caratterizza una mappa mentale è la creatività, la personalizzazione. Lo stesso Buzan infatti ha esplicitamente affermato che devono essere evocative. Una buona mappa mentale gerarchico – associativa è colorata, fantasiosa e molto gradevole. Deve stimolare il cervello e l’associazione mentale. Motivo per cui ritengo che una buona mappa mentale deve essere creata a mano libera. Pennarelli, glitter (perché no?) e tanta manualità per realizzare piccoli disegni.

In quali casi può essere utile

La mappa mentale io la utilizzo per creare il piano editoriale, il quale poi mi serve come base per il calendario editoriale. La prima bozza dei piani editoriali è su carta, per ogni progetto un quaderno dedicato e la relativa mappa mentale, è sempre tra le prima cose che realizzo.

Lo uso per organizzare le idee e gettare le basi di un nuovo post particolarmente lungo e complesso. Quando seguo i corsi online e prendo appunti. Ma soprattutto, per preparare la struttura di un nuovo progetto online. Grazie alla mappa mentale riesco a creare anticipatamente la struttura formata da categorie e tag (per quanto mi riguarda non vanno inseriti man a mano che si creano nuovi post ma vanno decisi prima ancora di scrivere e pubblicare il primo contenuto). Al centro metto il tema del blog (deve essere di nicchia). Nel primo livello le categorie e nel secondo livello i tag.

La mappa mentale la potete usare per il business che state mettendo in piedi, un e-commerce, il nuovo blog aziendale o un’azienda che vende software è uguale. Può esservi d’aiuto anche per la creazione di un business plan. Infine, vi supporta nello studio e nella realizzazione di tesi o temi.

Come creare una mappa mentale

Potete creare una mappa mentale a mano libera oppure utilizzando i vari programmi per PC, tablet e smartphone. Lo scopo di questo strumento è quello di fissare concetti per parole chiavi, fare associazioni mentali per arrivare a ottenere elementi nuovi.

Per me è uno strumento fondamentale durante la realizzazione di un piano e un calendario editoriale. L’associazione mentale permette di partire da una parola chiave principale e diramare i concetti, arrivare a nuove idee, tutto grazie alle associazioni.

Alcuni strumenti per realizzarla

  • Carta, penna e pennarelli: a mano libera, è il miglior modo per realizzare mappe mentali a mio avviso. Vi permette davvero di giocare con la creatività.
  • MindMeister: uno strumento online gratuito per personalizzare le vostre mappe mentali. Strumenti come questi li reputo utili sia per chi non è mai soddisfatto dei propri lavori manuali, sia per chi deve condividere queste mappe mentali con il proprio team. Chi di voi come me usa quasi sempre Google Drive per lavoro, MindMup invece può essere la soluzione migliore visto che si integrano. C’è una versione gratuita limitata, all’inizio per testarlo può andar bene.
  • XMind: lo usato per un po’ di tempo, poi sono passata ad altri programmi (ormai le mie mappe mentali sono su carta, su MindMeister o su tablet!). Anche lui ha la versione gratuita e a pagamento. Potete aggiungere elementi grafici per personalizzarla.

Preferisco non inserire una lunga lista di programmi, perché altrimenti dovrei consigliarvi qualcosa che non ho provato. Io mi trovo bene con carta e penna, ogni tanto uso i tool che ho linkato. In passato mi è capitato di provarne altri ma non mi sono piaciuti.

Claudia Lemmi

Web Writer specializzata nei settori food, benessere e beauty. Scrivere articoli è il mio pane quotidiano e li accompagno di pagine aziendali e calendari editoriali. Come dessert bozze revisionate. servizi o contattami subito. Non dimenticarti di seguirmi su Facebook!