Spagna

Serve prima il NIE o l’Empadronamiento?

Dilemma per tutti coloro che scelgono di andare a vivere in Spagna. Vi dico sinceramente che è impossibile darvi una risposta. Avete presente quando vi dicono che le pratiche cambiano in base all’ufficio al quale vi rivolgete? Bene, questo vale anche per il NIE e l’Empadronamiento.

1° teoria: Una mia amica qui a Valencia si è rivolta all’Oficina de Extranjeria, vale a dire all’ufficio d’immigrazione. Le hanno detto che prima deve fare il NIE, dopo l’Empadronamiento. Senza il primo non c’è il secondo.

2° teoria: Io sono andata all’Ayuntamiento (il municipio) e mi è stato detto che prima mi devo fare l’empadronamiento e dopo il NIE, perché senza aver preso la residenza, non ti danno il NIE!

Io le chiamo teorie ma sono esperienze reali, le sto vivendo! Confusi? Faccio un po’ di chiarezza, ma non troppa! Non voglio mica togliervi il divertimento 😉

Spiego i 4 termini principali di questo articolo

Oficina de Extranjeria: ufficio d’immigrazione, ritengo sia piuttosto chiaro il concetto

Ayuntamiento: è il municipio

Empadronamiento: è la residenza sul territorio spagnolo. Potete ottenerla sia grazie a un regolare contratto d’affitto, sia chiedendo a chi vi ospita di compilare un foglio dove acconsente a farvi prendere la residenza verso il loro domicilio.

NIE: è il Numero de Identidad de Extranjero. Qui a Valencia vi danno un NIE provvisorio (detto anche bianco) che dura a regola tre mesi. Il NIE provvisorio è definito tale ma in realtà vale fino a quando non trovate un lavoro o non avete aperto la vostra posizione come lavoratore autonomo in Spagna. Cioè, valido è valido, ma…

Quando avete trovato un lavoro, aperto azienda o dimostrato di potervi mantenere, allora vi danno il NIE definitivo (detto anche verde). Dovete prendere l’appuntamento per averlo. Di solito ci vogliono un paio di mesi. Altrimenti se pagate, lo ottenete nel giro di una mattinata 😉 Il bello della burocrazia, no?

Come dovete muovervi, quindi?

Dal mio punto di vista, scegliete voi. Ma non paralizzatevi davanti a queste cose burocratiche (come ho rischiato di fare io). Dovete agire. Andate all’ayundamiento oppure all’Oficina de Extranjeria, a vostra discrezione. Tanto sono loro che vi spiegano come muovervi. Al municipio vi registrano subito e vi danno la residenza, dopo potete andare a prendere il NIE. All’oficina dell’extranjeria vi danno invece il NIE provvisorio e dopo vi prendete l’empadronamiento. Potete decidere in base a quella che è la vostra priorità.

Vi ricordo comunque che il NIE vi serve per tantissime cose! Dovete intestarvi le utenze dell’appartamento? Non potete farlo senza questo tagliando prezioso come l’oro per lo straniero che si trasferisce in Spagna. Aprire un conto in banca? Lo stesso. Anche acquistare online e farsi spedire le cose nell’appartamento spesso risulta difficoltoso senza il NIE. Il mio consiglio è quello di mobilitarvi il prima possibile!

Anche se dovete aprire azienda o posizione come autonomi vale lo stesso discorso. Vi serve sia una casa dove risiedete, sia il numerino dello straniero. Non vi spaventate ma, la Spagna proprio come l’Italia, ha tante piccole pratiche burocratiche che chiedono rispetto e soprattutto pazienza.

Non esiste una procedura unica. Io al momento ho trovato due strade. Sono certa che qualcuno di voi che prima di me ci è passato o che la sta vivendo in questo momento, può raccontare qualcosa di nuovo! Cosa ho scelto io? Procedo prima con il NIE!

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply